Geotecnica/Geognostica

Aureli Soil Srl esegue sondaggi geognostici a carotaggio continuo, prelievo di campioni indisturbati, strumentazione del foro per prove sismiche, installazione di piezometri, tubi inclinometrici, estensimetri, assestimetri, celle di carico e di pressione, barrette estensimetriche, trasduttori di spostamento, termometri, misuratori ad ultrasuoni del livello di falda.
Uno dei punti di forza dell’azienda sono le prove penetrometriche che, unite alle informazioni stratigrafiche fornite da un sondaggio a carotaggio continuo, rappresentano una indagine fondamentale per la caratterizzazione geotecnica in continuo del sottosuolo.

Sondaggi geognostici

Ricostruzione stratigrafica per definire il modello del sottosuolo consentendo di determinare le caratteristiche deo terreni; si rendono necessari prima di ogni opera ingegneristica, di consolidamento e/o studio del sottosuolo.
Per il riconoscimento delle caratteristiche dei terreni AureliSoil è in grado di eseguire sondaggi geognostici a carotaggio continuo e a distruzione di nucleo nel rispetto delle “raccomandazioni sulla programmazione ed esecuzione delle indagini geognostiche” (Associazione Geotecnica Italiana, 1977).
Aureli Soil Srl è in grado, nel corso delle perforazioni, di realizzare tutte quelle prove in situ per determinare le caratteristiche geomeccaniche del terreno (SPT, Vane Test, Pocket Pentrometer) prelevando campioni indisturbati con vari tipi di campionatori (Schelby, Osterberg, Mazier).
Al termine delle perforazioni possono essere inseriti nel foro di sondaggio piezometri di tipo aperto, Casagrande, pneumatici a seconda delle esigenze del progetto geotecnico.
Nei terreni di cui è necessario conoscere le caratteristiche di permeabilità, possono essere eseguite prove di tipo Lefranc o Lugeon.
Qualora il terreno presenti dei problemi di stabilità, al termine della perforazione, può essere inserito un tubo inclinometrico per il controllo nel tempo delle deformazioni del terreno.
I cantieri sono seguiti da personale qualificato che a sua volta è in grado di eseguire tutte le prove necessarie ed indispensabili per il raggiungimento delle finalità per cui le indagini sono state programmate.

GEOLOGIA AMBIENTALE

Si forniscono studi del territorio connesso agli insediamenti per lo smaltimento dei rifiuti, della caratterizzazione e bonifica dei siti inquinati e della riqualificazione delle aree degradate anche a seguito dell’attività estrattiva.

MONITORAGGIO PIEZOMETRICO

L’Aureli Soil Srl effettua l’installazione di differenti tipologie di piezometri, a tubo aperto, di Casagrande, a filo vibrante.
Possono essere organizzate campagne di monitoraggio piezometrico, facendo uso di freatimetri dalla differente lunghezza.

MONITORAGGIO INCLINOMETRICO

L’Aureli Soil Srl offre il servizio di monitoraggio mediante sonde inclinometriche.
Tali indagini trovano largo uso nell’ingegneria civile per il controllo dei movimenti e delle deformazione dei terreni, nonchè per la determinazione delle variazioni di assetto delle strutture.
Dall’analisi dei risultati si puà effettuare controllo dei movimenti franosi, di rilevati, di dighe in terra e di strutture di contenimento in genere quali paratie, muri di sostegno ecc.

PROVA PENETROMETRICA STATICA CPT - CPTU (200kN)

Con la prova CPT si ottiene una misura diretta della resistenza del terreno, permette di riconoscere il profilo stratigrafico del terreno e le caratteristiche geotecniche dello stesso (peso di volume, coesione, coesione non drenata, angolo di attrito, ecc).
Con la prova CPTU è possibile misurare le pressioni neutre tramite sensori posti nella punta elettrica (Piezocono).

Prova Penetrometrica Dinamica DPSH (63,5 kg)

Con la prova DPSH si ottiene una determinazione qualitativa del profilo stratigrafico di un terreno con la taratura di indagini dirette (sondaggi) o con il confronto di altre prove in situ. E’ possibile determinare valori di resistenza e deformabilità dei terreni particolarmente di tipo granulare incoerente, ma anche fini-coesivi.

Prova Scissometrica

La prova consente la misura diretta e della resistenza al taglio non drenata massima (Cu) in situ dei terreni coesivi saturi. Inoltre tale prova permette di misurare la resistenza al taglio non drenata residua (Cur) dei terreni coesivi saturi e la sensività del materiale (ASTM D2573).